Monthly Archives: April 2006

Aiuto, il dubbio ritorna

So che qualcuno che mi conosce riderà a leggere queste righe (ed oggi spero proprio di dare un sorriso ad una persona per me molto speciale), ma il dubbio amletico sta per tornare con estrema forza.

Signore e signori, ecco a voi un dramma in un atto solo, scritto, diretto ed interpretato dal sottoscritto botolo…

Il titolo del dramma è il seguente:

FUMETTI ITALIANI O AMERICANI???

Ebbene sì, io periodicamente cambio completamente idea. Per un mese seguo i miei amati comics in italiano, pubblicati sostanzialmente dalla Panini Comics. Per l’altro mese mi rompo ed inizio a comperarli in originale, per riprendere poi da capo.
Fino al precedente post ero bello contento e stavo comperando i comics in italiano (come si vede dalle recensioni che ho scritto). Poi ho finito di leggere quelli in italiano ed ho attaccato con una pigna in inglese…e sbam, è tornato l’amore per i comics in lingua originale.

So che è un problemone, ma mi angoscia…mah!

Advertisements

Devil: Redenzione

Ciao a tutti,
ho appena finito di leggere questo volume di Devil pubblicato se non erro la settimana scorsa nella collana Marvel 100% della Panini.
La storia narra dell’omicidio brutale di un bambino e della vicenda giudiziaria seguita all’arresto dei colpevoli del delitto.
Si tratta di un legal thriller dalle sensazioni Preacheriane. Matt Murdock si muove nell’ambiente legale di una piccola cittadina del sud america, piena di preconcetti e di paure represse.
Devil si vede poco ma quando lo fa ha l’autorità di un essere soprannaturale, pieno di giustizia e di oscurità.
I testi sono ben congegnati, i dialoghi molto buoni e i disegni, opera dell’autore di Alias e di The Pulse, sono adatti alla storia e la rendono realistica.

Una ottima lettura, un bel volume che non perde mai un colpo negli alti livelli di narrazione.

Un consiglio per gli acquisti per tutti.

Fantastici Quattro 258


Che dire, il mitico quartetto è stato uno dei miei fumetti preferiti da sempre, insieme all’Uomo Ragno. Non posso quindi che giudicare positivamente questo primo numero scritto da Stracchino. Sembrano farlo apposta: uno dei miei preferiti scrittori prima lo mettono sull’Uomo Ragno (mio fumetto preferito) e poi sui Fantastici Quattro (mio secondo fumetto preferito).
Mitiche comunque le gag che ci sono in questo numero, da quando si scopre che occhi azzurri Ben Grimm è ricco sfondato a quando si vede Bill Gates mentre riceve una strana comunicazione dal nipote preferito di Zia Petunia.
Segue una storia tratta da Marvel Knights Fantastic Four che ho saltato, poiché l’avevo già letta in originale.
Il numero termina con lo stranissimo primo numero di Big in Japan, storia allucinante che vede i nostri amici alle prese con antipatici mostri che diffondono il terrore in quel di Tokio.
Un numero straconsigliato. Non si buttano mai via soldi comperando i Fantastici Quattro.

X-Men Deluxe 132


Copertina da urlo per questo nuovo numero di X-Men Deluxe (testata che fino ad ora non avevo mai comperato e che mi sono deciso a prendere proprio per via della copertina). Si inizia con una storia della nuova saga di Fenice. Il tratto è stupendo e la storia intrigantissima. Per fortuna le note della terza di copertina mi hanno aiutato a capire un po’ le sottigliezze della storia. Molto carina, comunque, non vedo l’ora di continuare a leggere i prossimi episodi.
Seguono due storie di New X-Men Academy: mai letta questa serie. La trovo un po’ leggera, in stile Amici di Maria De Filippi, ma interessante. Soprattutto il secondo episodio che osserva dal punto di vista dei ragazzi della accademia quanto successo al povero Wolverine, posseduto dai cattivacci dell’Hydra e costretto ad uccidere Northstar.
Termina il fumetto una storia degli Exiles. Non avendo mai letto X-Men Deluxe non avevo mai avuto il piacere di gustarmi gli Exiles. Che dire, il tratto non è fantasmagorico ma la storia è fortissima. Interessante l’idea alla base di questa serie. Non vedo l’ora di leggere il seguito.
Un acquisto consigliato.

Devil & Hulk 118


Primo appuntamento con la miniserie “Devil: padre” scritta e disegnata da Joe Quesada, il capo supremo della Marvel. Il tratto dei disegni è da paura, Devil è più massiccio che mai, con due spalle incredibilmente larghe che attribuiscono al personaggio una gravità e profondità notevole. Lo sguardo del diavolo rosso è quanto mai intenso e penetrante, quasi come quello dei migliori Batman. La storia è intrigante, anche se sono tante le sottotrame introdotte e bisognerà continuare a leggere per poter esprimere un giudizio compiuto.
Segue a ruota l’ultimo episodio della saga del decalogo di Devil, scritta da quel geniaccio di Brian Michael Bendis e disegnata da uno dei miei disegnatori preferiti, Alex Maleev. La storia è veramente interessante e strana e i dialoghi sono da film: mitica la scena in cui sono tutti seduti e Matt Murdock con una tranquillità invidiabile guarda (per modo di dire) il suo avversario e dice “lawrence…se cerchi di fuggire, ti inseguirò. se cerchi di attaccarmi, ti farò del male. se cerchi di fare del male a qualcun altro…che dio ti protegga. resta. seduto”. Mamma mia, da brivido!
Termina l’ottimo numero una leggera storiella di Hulk che non sa né di carne né di pesce.
Una lettura altamente consigliata, Devil in ottima forma!!!

Un botto di recensioni

Acciderba, oggi sono a casa dal lavoro e quale momento migliore per arricchire il mio blog di un bel po’ di recensioni di fumetti che ho letto ultimamente! Vi avverto: mi sto facendo una scorpacciata di fumetti supereroistici ed ho ritrovato il gusto di comperarli e leggerli in italiano. Mah, non so ancora se e quando supererò la mia millenaria indecisione relativa alla tipologia di fumetti da seguire. Quello che so è che in questi giorni andare in edicola a scoprire nuove uscite ha un suo fascino che mi ero da un po’ di tempo dimenticato. E allora avanti con le recensioni!