Category Archives: Living in the US

Life before internet

Next week I will start teaching Cyberlaw at Thomas Jefferson School of Law in San Diego. This will be a wonderful experience for me. I love teaching and meeting smart and interesting students. I also have a deep passion for technology and the way it interacts with law.

While preparing my notes for the first class, I was thinking about the tone to give to the class and I was wondering if my students will be tech geeks, normal tech users or even tech newbies. The course does not have any specific technical requirement and it welcomes any kind of student.

While thinking about this thing, I realized that most of my students will be in their twenties right now. This means they were born in the 90s, most likely in the very first years of that decade. Given that the internet really started to grow and get in touch with normal people with the advent of the world wide web and given that the introduction of the first web browser, Mosaic, is from 1994, this basically means that when my students never lived without internet. For them, internet is normal.

This made me remind how it was to be a tech geek when internet was not here. It was pretty fun, mostly because it sounded like visiting a foreign planet: everything was new and completely different from what we were used to.

The first thing that I remember was my father bringing home an old 300 baud modem. This was a weird device that connected to the computer. If you wanted to login to a local bulletin board system (the BBS), you had to pick up the phone, dial a number and plug the phone into the modem. Everything was pseudo-digital and mostly analogic. When I say “plug the phone”, I don’t mean connecting a cable to the phone’s logic board. I mean physically plugging the phone in two big earphone-like things that were supposed to listen to the weird noise coming from the phone, and translate it in digital signals. Pure science-fiction!

Connecting to local BBS was fun. I exchanged messages with other users, downloaded software (it took forever to complete a download) and…super cool…downloaded the first online porn. What you could do at that time was downloading photos of naked girls. The problem: it was taking forever to download a single photo. Nothing compared to the HD streaming of today’s porno websites!

When the internet finally came, I remember talking to my father about this. Internet subscriptions were pretty expensive at that time, and I finally convinced my dad to buy one plan as a business thing for his company. We were supposed to share the login of the internet provider and I agreed to use the internet only a few minutes per day (you still had to dial a phone number, and phone calls were pretty expensive).

But here is the problem: at that time there were no search engines. How did you know which websites to visit? Well, you had to buy a magazine on the newsstand. I used to purchase one called “.net”. This magazine listed the links of new interesting websites. Every time one new issue of “.net” was released, I run home to visit the new websites listed on the magazine. It was like going for a treasure hunt when your friend gave you a map!

Good old times.

Nowadays internet is given for granted, people have unlimited data everywhere (at home, on their phones), speed is blazing fast and we live connected 24/7. An incredible improvement in such a short time!

Advertisements

Bootcamp and egg whites

Almost three years ago I moved from San Francisco to Los Angeles. I had a very interesting job offer which would have given me a unique professional opportunity and I was kind of excited about this. Unfortunately some last moment issues, connected to the visa status I had at that time, did now allow me to finalize this project and the job offer vanished under my eyes.

This was a hard hit on myself. At that time, I just finished my Master in Laws, I finished my job at Twitter (which I loved) and I was in a new city, without any friends and without a job. I started sending tons of resumes everywhere but unfortunately my visa status did not allow me to find any position. It was a sad period for me. I was spending the whole day sending emails to potential employers and every rejection letter was a heavy stone dragging me down and down.

I needed a shake and I have to thank one dear friend for giving me this shake. This friend of mine invited me to join a bootcamp on the beach. I did not even know what “bootcamp” meant. He explained to me that he was exercising three times per week on the beach together with a trainer and some other people. The bootcamp was early in the morning, 7:00 am. At the beginning I said yes just as a way to make my friend happy and because the idea of doing something so early seemed like an adventure to me…and I love adventures.

Well, that day was the beginning of a new phase in my life. Big Mike’s Bootcamp helped me to get the shake I was looking for. I started attending the bootcamp every two days. I made new friends (Mike today is one of the best friends I have here in Los Angeles), my body completely changed and I even added some new adventures, such as the participation at the Tough Mudder competition.

I am so happy about what this Bootcamp has done to me, that I always talk about it (and this post is an example of it). The fact that I talk so much about this Bootcamp has created a very funny situation with my dad. Before continuing into this post, you have to know that my dad is a very busy person and he always have tons of things floating in his mind. The consequence of this is that he picks only parts of the discussions we have on the phone.

Lately it seems like he started picking up only all my discussions about the Bootcamp. I swear that we also talk about many other things but his mind seems to filter all these things and retain only the information about the Bootcamp. As I previously mentioned, I go to the Bootcamp three times per week, for an hour, from 7:00 am to 8:00 am. Time to get back home and take a shower and I am ready to start my day at 9:00 am, three times a week. The other days, when I don’t go to the Bootcamp, I start my day at 7:00 am. This means that the Bootcamp takes only a small fraction of my time.

Well, you would be surprised at how many times, while talking to my father about my current professional status, he tells me: “If you want to have success, you should focus on your career and stop spending the whole time doing the Bootcamp”. In his mind, thus, I workout 12 hours per day, every day. Maybe he thinks my goal is to win the next Mr. Olympia. This is funny, but things even get funnier.

Another thing on which he has been focusing lately is the one time that I told him I had egg whites at breakfast. Egg whites are not popular in Italy, the country where I am originally from, and when I mentioned him that I ordered an omelette made with egg whites, he asked me why. I told him that egg whites are healthier and do not contain cholesterol. He was intrigued by this fact, given that he is very careful in what he eats. The only problem is that from that day on, he started asking me thousands of times if I had recipes for egg whites, how I usually eat egg whites, how do I cook them, etc.

If you combine his focus on my Bootcamp’s attendance and my only time I had egg whites, you realize that in his mind his son living in America does not conduct a normal living. His son, I am sure he believes this, is kind of a strange guy who spends his time going on the beach early in the day, every day, exercise on the beach at least 5 to 6 hours and then he comes back home at noon, cooks egg whites omelette, drinks liquid egg white, then goes back on the beach where he keeps on exercising until the sun goes down and finally comes back home for the night, where he enjoys a tasteful meal based on…you guess…egg whites.

It is amazing how filtering things can bring you to these kind of strange and crazy assumptions.

Well, typing so many things made me hungry. Time for an egg white sandwich ūüėČ

L’erba del vicino

Per la serie “l’erba del vicino √® sempre pi√Ļ verde”. Sono da anni un avido lettore e collezionista di fumetti. Leggo di tutto ma prevalentemente fumetti di super-eroi.

Quando abitavo in Italia, compravo fumetti in lingua originale e disdegnavo le edizioni Panini per mille motivi (storie pubblicate in ritardo rispetto agli USA, storie spezzettate, etc.). Per carit√†, ho iniziato la mia passione con la Corno, la Star e la Panini e devo tutto a loro, ma da adulto avevo deciso di dedicarmi esclusivamente a titoli in originale. Amavo il Previews e vivevo una vita di frustrazione (dal punto di vista di questa passione) perch√© comprare comics dagli USA costava troppo (fatto per un certo periodo con Mile High Comics e altri negozi ma le spedizioni erano altissime). Mi servivo dall’ottimissimo Italy Comics del magnifico Paolo Accolti Gil ma il suo servizio faceva solo una spedizione al mese ed io bramavo per avere i miei comics.

Poi succede che vado a vivere in America (sto a Los Angeles) e quando arrivo mi dico che la mia passione sarebbe esplosa. Ma invece mi accorgo che la maggior parte dei negozi di fumetti qui fa schifo o sono troppo lontani. Il negozio di Santa Monica dove vivo sembra una catapecchia ed √® frequentato da gente strana (ad esempio, il tizio che ogni mercoled√¨ se ne sta su una sedia da ufficio con le rotelle e continua a scassare le palle mettendosi di fronte alle nuove uscite e restandoci per anni). Ci sono un paio di negozi carini (ma neanche pi√Ļ di tanto) ma sono a casa di Dio, uno a Hollywood e uno a West Hollywood. Posso fare ordini online ma sai che divertimento comprare le cose selezionandole tre mesi prima sul Previews. E in pi√Ļ mi accorgo, quasi che non l’avessi mai notato prima, che i comics americani sono una palla perch√© sono estremamente lenti (ormai pubblicano tutto per stampare poi il paperback), non hanno quasi mai rubrica della posta e sono privi d’anima. Oggi ad esempio mi √® arrivato il mio pacco settimanale da Westfield Comics…ho sfogliato i fumetti, li ho messi da parte insieme alla pigna di altri fumetti che devo ancora leggere e che mi sa resteranno l√¨ per un bel po’.

E allora mi accorgo che rimpiango l’Italia, rimpiango il poter andare in edicola in qualsiasi momento, rimpiango le note del mitico Lupoi o del magico Brighel, rimpiango la cura degli albi Panini, il modo di presentarci le storie (risparmiandoci un bel po’ di grattacapi nel capire dove cacchio si dipanano le storie con mille serie degli Avengers, ottomila titoli degli X-Men, etc.). Rimpiango il poter comprarmi fumetti nostrani come il grande Alan Ford o il fantastico Rat-Man. Ricordo con nostalgia il catalogo Anteprima che presentava in modo ordinato le uscite del mese e ricordo con rimpianto i ragazzi di Milano Fumetto che mi consigliavano sempre roba ottima da comprare.

E mi capita di sfogliare decine di volte quel Alan Ford che mia mamma mi ha spedito recentemente…”Il Testamento del Numero Uno”. Me lo guardo, me lo riguardo, me lo gusto come non facevo con un fumetto da quando ero piccolo.

Insomma…√® proprio vero che l’erba del vicino √® sempre pi√Ļ verde!

Suppa Nintendo!

Stavo cercando un mio vecchio post relativo all’esperienza avuta nel 2008 a Berkeley con il mitico negozio Nintendo Icarus Games ma non sono riuscito a trovarlo. Finalmente ho beccato il post su Usenet e mi sono ricordato che in effetti avevo scritto quelle righe prima su un newsgroup italiano di console e solo successivamente l’avevo messo sul blog…ma chiss√† dove √® andato a finire.

Lo riporto ora qui, così da non perderlo!

Ciao a tutti,

Qualche giorno fa ho inviato un messaggio con il quale ho raccontato che¬†mi trovo a Berkeley da qualche mese, che ci star√≤ per uno o due anni e¬†che mi stava crescendo la voglia di comprare una console dei tempi¬†andati per dedicarmi ad un po’ di sano retrogaming.

Dopo mille ricerche per trovare un negozio che vendesse retrogaming qui nella Bay Area, mi sono imbattuto nel sito internet di Icarus Games:

http://icarusgames.net

L’esperienza ve la devo raccontare, da schiattare dal ridere.

Insomma, leggo sul sito internet che si tratta di un negozio¬†completamente dedicato al retrogaming Nintendo. La lista dei prodotti¬†disponibili √® praticamente immensa e i prezzi sono pi√Ļ che onesti.

Decido di andarci! Provo a cercare sul sito l’indirizzo esatto e gli¬†orari di apertura del negozio ma non li trovo. Ricerco con pi√Ļ¬†attenzione e capisco che non si tratta di un negozio vero e proprio ma¬†di una attivit√† svolta part-time da un ragazzo, un certo Jason.

Sul sito c’√® il numero di telefono e la email di Jason. Inizio uno¬†scambio di email e Jason si dimostra subito molto disponibile. Ah,¬†preciso che su Yelp ci sono una marea di commenti positivi su Icarus¬†Games.Tutti dicono in sostanza che il tizio √® un mito, che ha di tutto,¬†che √® iper competente ed altro ancora.

Con Jason mi metto d’accordo per andare da lui domenica (due giorni fa).

Mi dice “vieni, sono su Telegraph cross con Russel Street”. Guardo la¬†mappa su Google e scopro con grande libidine che il negozio di Jason √®¬†letteralmente a due passi da casa mia, yeah!

Mi incammino per la strada, arrivo all’incrocio indicatomi da Jason¬†aspettandomi di vedere magari un negozietto piccolo piccolo, ma non¬†riesco a trovare niente. Faccio due volte il giro dell’incrocio ma¬†individuo solo un negozio di foto, una banca e un piccolo¬†supermercatino. Mi dico che magari ho sbagliato indirizzo, allora chiamo¬†Jason al telefono, il quale mi dice: “vieni pure, ti aspetto,¬†l’indirizzo esatto √® XXX” (nascondo l’indirizzo e poi capirete il¬†motivo).

Arrivo all’indirizzo indicatomi ma trovo una normale palazzina con un¬†portone…mi dico che magari non si tratta di un negozio ma di una¬†specie di ufficio utilizzato dal mitico Jason per la sua attivit√† di¬†vendita di retrogaming.

Fuori dal posto dell’incotro trovo un ragazzino (avr√† avuto quattordici¬†o quindici anni) bello cicciotto, con in mano un bel numero di cartucce¬†di Super Nintendo e del vecchio NES e un po’ di fogli tutti¬†pastrocchiati. Gli chiedo se sta aspettando Jason e mi fa segno¬†affermativo.

Mentre aspetto faccio due chiacchiere con il ragazzo. Gli chiedo che¬†sistema ha (mi dice Super Nintendo) e gli dico che sono l√¨ per scegliere¬†che sistema comprare ma sono indeciso perch√© non so se dedicarmi al¬†retrogaming puro (vecchio NES), se ripercorrere la libidine del Super¬†Nintendo (che ho a casa in Italia in versione PAL) o se tornare al¬†Nintendo 64 (console posseduta per qualche mese e poi¬†venduta…errorone!).

Il mio nuovo cicciottello amico mi dice, tutto infervorato, di prendere¬†il Super Nintendo perch√© ci sono i migliori giochi di lotta in assoluto¬†e mi snocciola in pochi secondi un elenco di giochi da far impallidire¬†un vero esperto di Nintendo. Continua a ripetermi: “absolutely, you have¬†to buy Supp Nintendou, Supp Nintendou” (storpio volutamente il nome¬†della console per rendere la pronuncia tutta agitata e super americana¬†del mio nuovo amico).

Gli chiedo che cosa deve fare oggi da Jason e mi risponde che deve dare dentro le cartucce che ha in mano e deve comprare altri giochini, tutti meticolosamente segnati sui fogli che tiene in mano con le sue manine paffutelle.

Ad un certo punto dall’esterno della palazzina mi accorgo che una porta¬†al piano terra si apre e ne esce un ragazzo con un sacchetto pieno di¬†cartucce. Il ragazzo saluta qualcuno oltre la porta ed esce dal portone.

Il mio amico cicciotto mi fa segno di entrare con lui e approfittiamo del portone aperto per infilarci nella palazzina. Arriviamo alla porta e in un istante mi trovo in un posto al di là di ogni aspettativa.

Il posto √® un monolocale caldissimo, piccolossimo. All’ingresso ci¬†accoglie Jason, ragazzo dall’aria simpatica ed intraprendente, sui¬†venticinque / trent’anni, con un auricolare bluetooth all’orecchio,¬†calzoncini corti, maglietta a maniche corte, piedi scalzi. Sulla destra¬†mi volto e vedo un divano con sdraiata sopra la fidanzata di Jason in¬†pigiama, tutta intenta a leggere Jurassic Park e a mangiare un panino.¬†Di fronte a lei, un tavolino con ancora i resti del pranzo o dello¬†spuntino pomeridiano. Al centro della stanza, un megatelevisore con tubo¬†catodico, enorme. Vicino al televisore, un frigorifero zeppo di¬†bottiglie di vino. Sulla sinistra una minuscola camera da letto con un¬†letto pieno zeppo di roba (coperte, vestiti, un delirio).

Insomma, se fosse per questa descrizione, penserei di essere capitato¬†all’Inferno, nella casa di un tizio strano dal quale guardarsi bene. Se¬†non fosse che la casa √® un minuscolo museo Nintendo: sulla parete una¬†MAREA di cartucce di tutti i tipi, una sopra l’altra. Cartucce NES,¬†Super Nintendo, Nintendo 64. In giro per il monolocale UNA MAREA di¬†contenitori (tipo quelli Ikea per i vestiti) stracolmi di console, di¬†altre cartucce. Alle pareti manifesti Nintendo dei tempi andati. Sul¬†tavolino, cimeli Nintendo sparsi (intravedo un joypad NES fatto di DAS).¬†Per terra UNA MAREA di altra roba, cavi video, alimentatori, pad di ogni¬†console. In un’altra scatola, UNA CATERVA di pistole Nintendo del NES.¬†Un delirio di roba, un tripudio di materiale Nintendo da far impallidire¬†il pi√Ļ fornito negozio di videogiochi.

Mi presento a Jason, che mi saluta. Mi fa cenno di volermi servire ma gli dico che il mio amico cicciotto era prima di me.

A questo punto divento testimone di una trattativa particolarissima e ad¬†altissimi livelli. Il cicciotto, in puro stile affarista di Wall Street,¬†cede a Jason le cartucce usate e ascolta attentamente la valutazione che¬†quest’ultimo gli d√†. Soddisfatto del prezzo, inizia a snocciolare i¬†titoli dei giochi che vuole. Jason saltando come un canguro da una parte¬†all’altra della stanza individua con precisione certosina tutti i giochi¬†richiesti dal cicciotto. I giochi sono senza custodia, solo cartuccia,¬†divertimento puro e duro. Jason prende da una scatola un Supp Nintendou¬†e ci infila il primo gioco. La televisione si accende e parte il gioco¬†(un platform con un coniglio). Il cicciotto prende il joypad ed inizia a¬†giocare, facendo commenti sul parallasse e sulla giocabilit√† del titolo.¬†Jason lo guarda e dopo un paio di minuti chiede: “Pretty cool?”. Il¬†cicciotto fa cenno di assenso e si passa al secondo, poi al terzo,¬†quindi al quarto titolo scelto dal mio nuovo amico. Ad ogni titolo segue¬†l’ormai mitico “Pretty cool?” e l’assenso del cicciotto.

Alla fine Jason fa il conto, scrivendo i prezzi su un foglio di carta.¬†24 dollari per il tutto, compresa la valutazione dei giochi usati.¬†L’amico paffutello tira fuori le banconote da un portafoglio con sopra¬†Titti di Gatto Silvestro, appoggia i soldi sul televisore e prende le¬†cartucce. Mentre fa questo gesto, fa cadere inavvertitamente i soldi e¬†senza neanche muoversi, lascia che sia Jason a raccoglierli e gli dice¬†“I’m sorry about that”, come solo il Cumenda saprebbe fare. Prima di¬†andarsene, intravede un joypad non ufficiale di quelli con lo stick e i¬†tasti da sala giochi. Chiede a Jason a cosa possa servire, quest’ultimo¬†gli dice che potrebbe essere usato con Street Fighter II e il mio amico¬†cicciotto tutto serio fa segno di assenso e dice qualche cosa del tipo¬†“potrebbe essermi molto utile con le combo”. Prende e se ne va.

Jason mi dice che è uno dei suoi migliori clienti.

Ma ora tocca a me. Spiego a Jason che non so che sistema comprare. Mi fa¬†domande precise (“ti piace il 3d? ti piacciono i giochi di sport? ti¬†piacciono i platform, etc.”) e alla fine mi consiglia il Super Nintendo.¬†Mi tira fuori tre o quattro cartucce che secondo lui avrebbero potuto¬†soddisfarmi e mi prepara il tutto. Non sono per√≤ convinto della mia¬†scelta e gli chiedo di vedere un NES. Al volo mi collega il NES, mi¬†infila la cartuccia di Super Mario 3…non va, allora la tira fuori,¬†prende una boccetta di plastica, spruzza qualche cosa sui connettori,¬†via di cotton fioc, reinfila e il Mario appare sullo schermo. Gioco per¬†un paio di minuti, al che il mitico Jason mi chiede “Pretty cool?”. Dico¬†di s√¨ e me ne vado via tutto soddisfatto con un NES, Super Mario 3, Dr.¬†Mario, Chip & Dale e RC Auto (o simile, non ricordo il titolo), il tutto¬†per 70 dollari.

Torno a casa tutto contento, pieno ed ebbro dell’esperienza allucinante¬†ed in s√® mitica appena fatta.

Gioco per due giorni al NES ma la console non mi soddisfa…sono un¬†videogiocatore della vecchia guardia (ho quasi trentacinque anni) ma la¬†passione per il retroretro gaming non √® ancora pienamente salda in me.¬†Decido quindi oggi di cambiare.

Chiamo Jason mentre torno dall’universit√† e gli chiedo se c’√® in serata.¬†Mi risponde di s√¨. Impacchetto il tutto e torno da lui. Questa volta la¬†fidanzata √® sul letto e la vedo poco. Lui √® sempre molto¬†cortese…recupera il foglietto del conto dell’altra volta e si riprende¬†il materiale. Scelgo il Nintendo 64 con Mario 64 e Dr. Mario, insieme a¬†due pad e memory card.

Parlando mi fa vedere anche il Virtual Boy e Jason mi dice che è una console mitica ma sottovalutata.

Esco da casa sua di nuovo soddisfatto.

L’esperienza di Icarus Games √® unica. La casa di Jason √® piccola,¬†stramba, ma piena zeppa di qualsiasi cosa che sia Nintendo (date una¬†occhiata al sito internet e capirete).

Ormai è il mio punto di riferimento di Berkeley.

Jason…pretty cool? Yeah!

Le stranezze degli USA – Parte 2

E’ da un sacco di tempo che non scrivo un post su questo blog ed ho pensato bene di rinnovarne il contenuto, aggiungendo un post relativo alle mille stranezze che incontro negli Stati Uniti.

Il post precedente era stato scritto quando mi trovavo negli States da pochissimi mesi e quando non avevo idea di come sarebbero stati i mesi successivi. Tante cose sono successe, troppe per essere raccontate in questo blog, ma sono sempre qui negli States e mi piace sempre di pi√Ļ.

Non nascondo, per√≤, come questo paese abbia veramente tante piccole stranezze. Non sto parlando delle mille complessit√† o delle contraddizioni che spesso si leggono sui giornali, quanto di stranezze della vita di tutti i giorni, particolarit√† che saltano all’occhio improvvisamente e che lasciano attoniti.

Una delle ultime stranezze √® relativa alla “bici a due”. E’ venuto recentemente a trovarmi un carissimo amico dall’Italia. Abbiamo approfittato dello splendido clima che c’√® qui e ci siamo fatti due giorni pieni di mare, ad andare in giro per il lungomare, da una parte all’altra. Avendo solo una bicicletta a disposizione, siamo andati tutti e due sulla stessa bici, un po’ come si faceva quando si era piccoli. A turno io stavo sulla canna e lui pedalava, per poi darci il cambio.

Ebbene, siamo rimasti stupefatti dalla reazione degli americani a questa “stranezza” di vedere due persone sulla stessa bicicletta. I pi√Ļ sorridevano quando ci incontravano e molti addirittura scoppiavano a ridere, come se avessero visto un fenomeno circense o una attrazione indimenticabile. Ridevano talmente tanto, che noi stessi ridevamo per reazione (e per poco non ci siamo spaccati l’osso del collo per via di una caduta dovuta al troppo ridere). Le facce dei passanti erano incredibili. Si chiamavano tra di loro, per dirsi “ehi, guarda l√¨ che roba”. E noi rimanevamo attoniti e colpiti da questo stupore che loro dimostravano nel vedere qualche cosa che per noi √® assolutamente normale.

E sia chiaro, non è che gli americani vanno in giro con biciclette normali. Avrebbero di che stupirsi per il modo in cui se ne vanno in bici: persone che trainano tavole da surf, strani incroci tra bici e macchine a pedali, altri che caricano la bici con stereo improponibili, etc.

Eppure, basta andare in due in bici per scatenare una generale reazione di ilarit√† e di divertimento. Che dire, se basta cos√¨ poco per regalare un sorriso alle persone, allora trovo qualche altro amico con cui andare in giro in bici tutti i giorni ūüôā

Le stranezze degli USA – Parte 1

Ormai sono quasi due mesi che vivo in America e devo dire che di cose strane ne sto vedendo molte. Dalle cose pazzescamente strane a quelle moderatamente strane, questo paese non smette di stupirmi ogni giorno che passa.

Ho pensato, quindi, di iniziare una serie di post per raccontare di tutte questre stranezze: novità incredibili, curiosità, cose furbe e interessanti, soluzioni a problemi di tutti i giorni e vere e proprie stranezze inspiegabili.

Ed √® proprio di una stranezza insipegabile che vorrei raccontarvi oggi. L’ispirazione mi √® venuta qualche secondo fa, quando la fame per la cena iniziava a farsi sentire ed allora ho aperto il frigorifero alla ricerca di qualche cosa di buono da spiluccare in attesa di fare il regolare pasto serale.

Beh, cosa ho trovato di buono nel frigo? Un bel vasetto di yogurt, che fa sempre bene e rinfresca.

Ecco di seguito una immagine di repertorio scattata qualche secondo fa.

 

Ecco il corpo del reato

Ecco il corpo del reato

A ben vedere non c’√® niente di particolarmente strano in questo vasetto…i pi√Ļ astuti noteranno che la scritta della marca di yogurt √® al contrario…la parte superiore della scritta punta verso la parte inferiore del vasetto. Che sia in questo piccolo dettaglio che si cela la incredibile stranezza che il buon Botolo vi vuole presentare oggi?

Eheheh, il trucco si capisce nel seguente video (che potenti mezzi che abbiamo, addirittura anche il video!!! incredibile).

Avete visto?!? Sti furiosi degli americani si mangiano lo yogurt al contrario, dal tappo in basso del vasetto. E devo dire che √® di una SCOMODITA’ micidiale, il cucchiaio a malapena esce dal buco e mi √® caduto lo yogurt anche per terra, li mortacci loro ūüėÄ

Bene, immagino che sarete sotto shock dopo questa notizia…vi lascio riflettere sulla cosa e arrivederci alla prossima puntata de “Le stranezze degli USA”.

E ricordatevi, questa trasmissione √® uno spin-off della originale serie “Le stranezze di Busto Arsizio”, trasmissione di incredibile successo andata in onda qualche anno fa su Rete Cippalippa, la rete dei tuoi pensieri, l’etere dei tuoi sogni.

Alla prossima!