Monthly Archives: August 2007

Un esempio da seguire

Ho appena letto su corriere.it di un dibattito nato sulle pagine del blog di Clemente Mastella, il Ministro di Grazia e Giustizia e sono così venuto a sapere dell’esistenza di questo blog.

Lungi da me ogni tipo di considerazione politica, devo dire che apprezzo ciò che alcuni membri del Parlamento e del Governo stanno facendo per avvicinarsi ai propri elettori. Un celebre esempio di questo tentativo di approccio è sicuramente quello seguito da Antonio Di Pietro, che dalle pagine del suo blog informa i cittadini dell’andamento del governo e che addirittura ha iniziato a realizzare video su youtube.

Che dire, ottime iniziative che spero siano usate bene e proficuamente.

Advertisements

Quel maghetto di Steve Jobs


iLife 08
Originally uploaded by Josh Bancroft

Secondo me la Rowling, creatrice di Harry Potter, quando ha dato vita al suo personaggio aveva in mente il vero e unico maghetto, il mitico Steve Jobs.

Ieri il mago Steve ha fatto una delle sue tante magie. Ha presentato i nuovissimi iMac e soprattutto ha introdotto sul mercato le nuove versioni di iLife e di iWork. Il primo prodotto è la suite Apple per la gestione della vita digitale degli utenti: attraverso iPhoto è possibile gestire le proprie fotografie, con iMovie si possono montare i propri filmati, etc. Il secondo prodotto è invece la versione Apple di Microsoft Office: la novità introdotta ieri sta sopratutto nella presentazione di Numbers, applicazione Apple che svolgerà il ruolo di Excel.

La presentazione di ieri sera mi ha messo due grossi dubbi in testa.

1 – Il nuovo iMac è spettacolare e godurioso. Mi piacerebbe comprarlo e sostituirlo al mio Mac Mini. Problema: il Mac Mini lo uso molto poco. Comprare l’iMac probabilmente vorrebbe dire spendere soldi per un oggetto che poi userei poco.

2 – Il nuovo iPhoto e il nuovo iWeb consentono di fare cose molto carine se associate ad un account dotmac (anche lui rinnovato ieri). Problema: abbonarsi a dotmac costa ben 99 euro all’anno e i servizi che dà non sono pazzeschi…la possibilità di fare gallerie è bella ma forse sembra esserlo perché è una novità; la possibilità di gestire il proprio dominio è anche questa forse una finta libidine. In sostanza potrei gestire le gallerie con Flickr, al quale ho anche fatto abbonamento; il mio sito internet o blog potrei, come già faccio, farlo con WordPress o con Blogger.

Mmm, ci devo pensare, il dubbio amletico cresce ed io mi diverto (perché ricordatelo, è più divertente desiderare una cosa che averla).

Evviva i treni


Rheineck – Switzerland
Originally uploaded by Kecko

Chissà come mai ho la passione per i treni. O meglio, penso di saperlo il motivo. Dei treni mi piace la loro calma e la loro stabilità. Mi piace l’idea di salire su un treno e di passare in mezzo ai paesi, mi piace l’idea che il treno funziona con il sole, con la pioggia o addirittura con la neve (come da foto).
Certo, i treni italiani mi fanno schifo, sono sporchi e trascurati, mi sembrano dei piccoli eroi ormai abbandonati da tutto e da tutti e soprattutto sfruttati per fare un lavoro che a loro non piace. Loro, in effetti, vorrebbero andarsene in giro per posti magici, come fanno alcuni loro colleghi svizzeri ad esempio, mentre invece sono costretti a girare per paesi ormai completamente asfaltati e caldi…poveri cuccioli.
Sono belli i treni, prima o poi mi farò una bella gita usando solo treni. Mi siederò al mio posto, mi leggerò un bel libro guardando il paesaggio, andrò a mangiare nel vagone ristorante e magari dormirò nel vagone letto, un po’ come faceva il mitico Hercule Poirot ai tempi che furono!

Un uccellino


Willow Tit
Originally uploaded by Sergey Yeliseev

Questa mattina mi sono alzato molto presto e sono arrivato in ufficio quando era ancora l’alba. Sono andato a fare colazione in un bar in Galleria in Duomo e mentre mi stavo gustando la mia brioches alla marmellata, un piccolo uccellino molto simile a quello della foto è venuto a trovarmi.
Si è appoggiato allo schienale della sedia vicino alla mia ed ha iniziato a fissarmi negli occhi. Non chiedeva un pezzo di brioches, la esigeva con gran sicurezza.
Mi sono sentito in difetto ed ho iniziato a mangiare velocemente la mia colazione per arrivare al pezzettino che gli avrei dato.
E alla fine ho staccato questo pezzettino e l’ho lanciato per terra.
L’uccellino si è fiondato su di lui, se ne è mangiucchiata una parte e poi, tutto impegnato, si è messo nel becco un bel pezzettone rimasto ed è volato via alla velocità della luce, chissà verso dove.
Me lo sono immaginato mentre correva magari dai suoi figli. Magari era un padre di famiglia e grazie a me avrà portato il pasto quotidiano (o cotidiano, come diceva la Maria da piccola) alla sua prole.
Beh, sono contento…la cosa mi ha dato molta soddisfazione.

Facebook

Ultimamente ho ricevuto diversi inviti per partecipare a Facebook. A dire la verità all’inizio non riuscivo a capire se si trattava di SPAM o se i messaggi erano veri e propri inviti spediti da miei amici internettiani.

Ho deciso di provare a seguire le indicazioni su monitor e mi sono iscritto a Facebook. Beh, la cosa sembra essere divertente. Il sito internet è praticamente una specie di Myspace però più leggero e veloce. Il mio amico Paolino mi dice che negli Stati Uniti il sito sta facendo faville. Vedo che ci sono una marea di ragazzi anche dall’Italia.

Bene, bene, ho trovato cosa fare oggi, che non ho una mazza di voglia di lavorare 😉